18 anni di Altervista, un bel gioco non dura poco

La notte del 20 dicembre 2000 uno studente ventenne del Politecnico di Torino metteva online un sito web: Altervista.org. Con un investimento di 30mila Lire. L’idea alla base del sito Altervista era semplice: permettere a tutti di aprire un sito web, gratis e senza bisogno di competenze informatiche.

Il successo di quell’idea fu tale che nel maggio del 2005 la società di rilevazione Nielsen Net Rating certificava Altervista.org come il quarto dominio per traffico generato in Italia. Davanti c’erano libero.it., virgilio.it e tiscali.it, importanti società di telecomunicazione. Altervista non aveva dipendenti, era gestita da una sola persona, il suo fondatore. 18 anni dopo la prima messa online Altervista offre lo stesso servizio.

Sulla piattaforma Altervista da allora sono stati creati oltre tre milioni di blog e siti, molti dei quali di grande successo. Se il modello di business e la struttura societaria si sono evolute, Altervista fa ora parte del comparto digital del Gruppo Mondadori, l’idea alla base del portale Altervista.org resta la stessa: permettere a tutti di creare, gratis e senza abilità informatiche, un blog o un sito web.

Altervista compie 18 anni

Un pezzo di storia del web italiano

Scrivere e condividere in rete è la nostra normalità, ma non era così alla fine del 2000. Il primo anno del nuovo millennio era stato caratterizzato dalla paura del baco informatico (Y2K) e dallo scoppio della bolla finanziaria delle società .com. A novembre del 2000 le società legate a internet avevano perso sull’indice NASDAQ circa il 75% del valore; per esempio un’azione di Amazon era passata da un prezzo di 87$ a 7$.

Nel 2000 internet era ancora un post per addetti ai lavori, ingegneri o ‘smanettoni’, come si diceva allora. La connessione era rumorosa e lenta, i telefoni servivano per telefonare o per mandare brevi messaggi di testo. Google era appena nato (1998), Wikipedia ancora non esisteva (2001) e il primo social network (LinkedIn) sarebbe stato lanciato solo nel 2002. Questo era il contesto nel quale il fondatore di Altervista era andato alla Camera di commercio per spiegare la ragione sociale della sua attività.

La scommessa di Altervista era quella di puntare sui contenuti generati dagli utenti (UGC). Un tipo di contenuto che sarebbe diventato popolare solo nel 2004 con la fondazione di Facebook e Flickr e con l’ampia circolazione del concetto di web 2.0: il web popolato dai contenuti generati dagli utenti.

Altervista aveva investito in anticipo sull’esigenza dello scrivere e del condividere in rete, quell’investimento era stato premiato con l’incredibile successo che vedeva altervista.org – una società senza dipendenti, guidata da una sola persona – essere il quarto dominio in Italia per traffico generato. Successo dovuto al passaparola, all’affidabilità del servizio, all’anticipo con cui Altervista.org rispondeva a una nuova e diffusa esigenza: quella di raccontarsi online.

Un sistema innovativo

Il successo di Altervista dura nel tempo perché, oltre ad aver intercettato la nascente esigenza di condivisione e creazione di contenuti personali online, aveva indovinato alcuni dei punti chiave della nascente economia digitale. Il concetto di long tail (coda lunga), che diventa celebre grazie a un articolo del 2004 di Chris Anderson su Wired, è la base della diffusione di una piattaforma che con i contenuti creati dai suoi utenti copre tante piccole nicchie di mercato.

Il crowdsourcing, codificato solo nel 2005 rispetto alle attività digitali, era praticato fin dall’inizio da Altervista. Infatti, sebbene fosse gestita da una sola persona, Altervista poteva contare sui riscontri dei suoi tanti utenti e sul contributo volontario di chi usava il servizio per migliorarlo.

La scalabilità del modello economico di Altervista, il crescere dei costi proporzionale alla crescita dell’utenza, lo ha reso un modello sostenibile anche senza investimenti ingenti. Raggiunto un bacino di utenza considerevole Altervista ha iniziato a stringere alleanze per offrire nuove opportunità di guadagno a chi sceglieva Altervista come hosting per il suo sito.

Guadagnare grazie ai tuoi contenuti

Una delle caratteristiche del modello di Altervista.org è sempre stata la revenue sharing. Un sistema win-win in cui, oltre alle risorse tecnologiche gratuite per tenere online il suo sito, il blogger può guadagnare dai suoi contenuti, proporzionalmente al traffico che il suo sito produce, ospitando inserzioni pubblicitarie.

Questo sistema differenzia Altervista dagli hosting tradizionali (a pagamento) e dagli hosting che offrono gratuitamente risorse condivise. Quello di Altervista è un sistema win-win perché sia la piattaforma sia il blogger tifano per il massimo successo del sito ospitato. Un successo da cui traggono profitto tutti gli attori coinvolti: la piattaforma, il blogger e il pubblico che riceve gratuitamente contenuti creati con attenzione.

Inoltre Altervista si differenzia da celebri hosting per blog perché fornisce una versione di WordPress customizzata con risorse senza limiti e tanti servizi in più: temi professionali gratis, temi mobile sviluppati, plugin illimitati, monetizzazione automatica, disposizione adv sempre ottimizzata con criteri scientifici e analisi semantica delle pagine, un sistema che clusterizza i vari siti e i vari contenuti per ottenere il massimo dall’erogazione pubblicitaria.

Una crescita continua

Sito gratis e guadagno con i contenuti pubblicati, ecco perché i blogger di Altervista sono contenti. E non sono mai stati contenti quanto ora. Il 2018 è stato l’anno in cui i blogger di Altervista e delle piattaforme verticali ospitate da Altervista hanno guadagnato di più.

Il sistema di remunerazione dei blogger ha cominciato a scalare quando, nel 2006, Altervista inizia a collaborare con altre realtà web, per offrire possibilità di maggiore guadagno ai suoi webmaster. Nel 2007 Altervista assume il suo primo dipendente, tutt’ora in servizio. Dal 2008 inizia un processo di integrazione con Banzai Media, la serra dei talenti del web italiano. In questi anni lo staff cresce e il modello economico si consolida. La creazione di piattaforme verticali, a contenuto tematico dedicato, si rivela un successo e permette di migliorare ancora l’offerta pubblicitaria per i blogger. Tappa fondamentale per il managment di Altervista è nel febbraio del 2015 quando Banzai S.p.a. viene quotata in Borsa, a Milano. Nel 2016 Altervista, insieme ai marchi editoriali di Banzai Media, viene acquisita dal Gruppo Mondadori (periodici-digital) e si aprono nuovi scenari che vedono il team di Altervista al centro del progetto di innovazione del Gruppo.

Un felice compleanno

Nel dicembre 2018 Altervista ha compiuto 18 anni, un periodo di tempo enorme per un servizio web.

Nata per dare spazio agli altri punti di vista, da qui il nome, per offrire l’amplificazione digitale della voce, in un mondo ancora analogico, Altervista può festeggiare per essere stata la palestra del web italiano. La piattaforma dove tanti hanno studiato programmazione o hanno aperto il loro primo sito web. Molti sono stati i blog di grande successo, che hanno lanciato carriere e progetti innovativi. Tanti blogger che hanno iniziato per svago ora sono diventati autori a tutti gli effetti e hanno trovato in Altervista un partner per dare slancio al loro progetto.

Dopo 18 anni e oltre tre milioni di siti e blog ospitati Altervista è orgogliosa di fare sempre la stessa cosa: offrire gratis un posto da occupare come vuoi, per raccontare la tua storia.


Recent Posts

-